nella bellezza

nella bellezza

martedì 21 novembre 2017

Il Castello di Chaumont

La valle della Loira, conosciuta come il Giardino di Francia e la Culla della lingua francese, è nota  per la qualità del suo patrimonio architettonico, per le numerose città storiche e soprattutto per i suoi famosi castelli.
 
Di alcuni di questi ho già scritto in passato in questo blog, sul ricordo di una breve  vacanza nel lontano 1991.


Oggi voglio presentarvi il castello di Chaumont sur Loire, il cui aspetto attuale ,in particolare le ampie torri circolari sormontate dai tetti a cono, ricorda  da vicino i racconti delle fiabe.






Costruito nell'XI secolo da Oddone, conte di Blois, Reims, Tours, Chartres, Chateaudun e Provins , passò nel 1037 al cavaliere milites normanno Hiluin e alla sua numerosa discendenza, fino a quando una pronipote di Oddone lo portò in dote a Sulpice d'Amboise, rimanendo poi di proprietà di questa famiglia per cinque secoli.







Nel 1455 il castello fu incendiato e raso al suolo per ordine di Luigi XI, come punizione nei confronti di Pietro d'Amboise  per essersi unito alla Lega del bene pubblico, formata da un gruppo di nobili ribelli. Tuttavia, dopo la riappacificazione con gli Amboise, fu lo stesso re a contribuire finanziariamente alla ricostruzione del castello.

In quell'occasione, da fortezza medievale il maniero prese le forme architettoniche tanto care al Rinascimento, che ammiriamo ancora oggi.





Nel 1560 il castello divenne di proprietà di Caterina de Medici, detta la regina nera di Francia, donna di grande cultura, che vi ospitò numerosi astrologi, tra cui Nostradamus.
 
Caterina de Medici non era certo una donna dal cuore tenero, al punto che, alla morte del marito, Enrico II di Francia, costrinse la sua amante , Diana di Poitiers, ad accettare il castello di Chaumont in cambio del più ambito castello di Chenonceau.
 
Sarebbe tuttavia ingiusto non ricordare anche che Caterina, se pur poco amata oltralpe, introdusse in Francia non solo la cucina toscana con le sue salse e besciamelles , ma anche l'uso della forchetta a corte, senza contare l'esotico utilizzo delle mutande, fino ad allora sconosciute.
 
Ma torniamo al castello...visto dalla Loira.
 
 



Dopo la morte di Diana de Poitier il castello fu rivenduto e a partire dal secolo dei lumi tornò ad essere la residenza di personaggi illustri.
 
Tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento divenne proprietà del principe di Broglie che ne avviò il restauro. Per quarant'anni il castello rivive un'epoca di splendore, con  la famiglia Broglie che tiene ricevimenti e feste per l'alta società.
Nel 1937 però , a causa di investimenti sbagliati, la famiglia è costretta a vendere l'intera tenuta  e lo stato francese subentra nella proprietà, giardini, castello e arredi compresi.





Oggi il castello di Chaumont, dichiarato dall'Unesco nel 2000 patrimonio mondiale dell'umanità, può mostrare a chi lo visita tutto il suo splendore con i suoi arredi, i mosaici e gli splendidi arazzi.































































Oltre al castello si possono ammirare anche i suoi giardini, dove ogni anno si celebra il famoso "Festival des jardins".











Nonostante la sua lunga e turbolenta vita, pare che non ci siano fantasmi imprigionati tra le mura del castello, tuttavia ho trovato questa annotazione, abbastanza curiosa.
 
 
Il giorno 11 gennaio 1613 alcuni muratori, scavando in un campo nei pressi delle rovine del castello di Chaumont, in un'area che per tradizione era chiamata "il campo del gigante", ritrovarono insieme ad antiche monete un'enorme tomba coperta da un sasso su cui erano incise le parole "Theutobochus  Rex",attribuite a Teutoboco, re dei Teutoni e dei Cimbri dello Jutland. All'interno furono ritrovati i resti di un corpo umano dalle dimensioni di un gigante.
Le monete ritrovate accanto alla pietra erano d'argento e recavano da un lato l'immagine di Gaio Mario e, dall'altra, una M e una A intrecciate. Questi resti erano simili a quelli ritrovati nel 1515 a Mazzarino in Sicilia e nel 1548 e nel 1550 nella Valle di Mazzara vicino a Palermo e a Trapani.
 
 
 
Realtà o fantasia ?!? Qui occorre un approfondimento....
 
 
 
 
 
 













 

sabato 14 ottobre 2017

Il Castello di Cordovado

Il castello medievale di Cordovado in Friuli fu costruito sulle vestigia di un castrum romano, posto a guardia di un guado su un ramo ora prosciugato del fiume Tagliamento.
Della struttura originale rimangono oggi le due torri scudate, che un tempo avevano il ponte levatoio, oltre a  buona parte delle mura ancora ben conservate.
















Nel borgo racchiuso tra le mura si trovano la chiesa del XII secolo con all'interno un affresco giottesco, il palazzo Agricola del XV secolo con la sua bellissima trifora e l'imponente villa Piccolomini Freschi del XVI secolo, eretta sulle rovine dell'antico castello crollato in gran parte a seguito del terremoto del 1511.









La villa fu costruita nel classico stile veneziano con salone centrale passante sui tre piani e una grande trifora centrale al primo piano sovrastante il portone che era originariamente l'entrata del mastio.


La villa è tuttora abitata dai proprietari che ne hanno particolare cura e conserva tutto il fascino dell'antico arredamento delle abitazioni di un tempo, con  una ricca biblioteca, la sala della musica, affrescata a trompe-l'oeil , e, in ciascuna sala del pianoterra , bellissimi camini e antiche stufe in maiolica, oltre a importanti ricordi delle famiglie che l'anno posseduta e abitata.



 


















Particolare attenzione merita il parco che circonda la villa, creato dal conte Sigismondo Freschi insieme all'architetto Pietro Quaglia agli inizi dell'800 nello stile romantico dell'epoca.
Originariamente il giardino era composto da dodici stanze, delimitate da siepi di bosso. Oggi il giardino è famoso per le sue rose, per cui ogni anno a maggio si tiene un'importante manifestazione per tutti gli appassionati della regina dei fiori.
Di particolare rilievo la presenza di un labirinto di Rose Damascene in cui perdersi nell'incanto dei profumi e dei silenzi.